Spedizione internazionale

0

Consigli da sapere per un sonno riposante

Spesso i molti sintomi del diabete possono rendere il sonno un’esperienza stressante e discontinua. Ad esempio, il dolore alle estremità, la disidratazione, il senso di fame e la minzione frequente possono rendere quasi impossibile il restare addormentati. L’importanza di avere un sonno riposante non deve essere sottovalutata, e gli effetti della privazione del sonno possono essere pericolosi.

Non dormire abbastanza

Molti diabetici lamentano che uno dei loro più grossi problemi è quello di addormentarsi, e di riuscire a dormire per tutta la notte. La cosa che forse non sanno è che, per chi è affetto da diabete, la sensazione di stanchezza non è l’unico rischio legato al non dormire a sufficienza. I livelli di glucosio nel sangue possono essere direttamente correlati alla quantità di sonno di un individuo. Inoltre, l’appetito e il metabolismo sono influenzati dai processi ormonali che hanno luogo durante il sonno.

Consigli prima di andare a dormire

  • Consumo di caffeina: anche se può sembrare ovvio, uno dei più grossi errori che le persone compiono è di sottostimare la loro tolleranza alla caffeina. È opportuno fissare un limite orario giornaliero oltre il quale non consumare caffeina. Per i più l’orario tra le 15 e le 17 è quello in cui iniziare a limitare il consumo di caffeina.
  • Orari regolari: Uno dei elementi chiave per una notte di sonno è riuscire ad avere orari regolari. Spesso ci si rende conto di non riuscire a dormire perché il proprio ritmo corporeo è troppo agitato. Tieni un diario del sonno, segnando gli orari in cui vai a dormire e in cui ti svegli, così da poter gestire meglio la tua routine. L’ideale è di avere orari molto simili tutti i giorni, permettendo al corpo di abituarsi ad un ritmo confortevole e salutare.
  • Spegnere i dispositivi elettronici: Gli studi mostrano che spegnere i propri dispositivi elettronici un’ora circa prima di andare a dormire può rapidamente migliorare le probabilità di addormentarsi. Spesso gli schermi imitano la luce diurna, e inducono il corpo a pensare che dovrebbe restare sveglio. È possibile regolare le impostazioni su smartphone, tv o portatili per affaticare meno gli occhi, o semplicemente spegnerli. Prova inizialmente ad impostare il limite a 15 minuti prima di andare a letto, aumentando poco alla volta finché non riuscirai ad addormentarti comodamente.

Detto questo, il consiglio migliore che gli esperti danno ai diabetici per godere di una notte di sonno, è di mantenere livelli bilanciati di zucchero e un regime di esercizi fisici leggero ma costante.

Migliaia di utenti che utilizzano costantemente CuraLin hanno segnalato una migliore qualità e una maggiore durata nei cicli di sonno.

Steve Knibbs ha condiviso con noi la sua esperienza:

Ti interessa sapere di più sul migliore integratore alimentare per il diabete di tipo 2?


Clicca qui

Buona notte e sogni d’oro!

Il Team CuraLife